Fantasia Zen n°3

Guarda a terra. Così tanti piedi intorno da non lasciare spazio per le ombre. Piedi distanti solo pochi centimetri dai suoi. Alcuni più o meno stazionari accanto ai suoi, altri che si muovono, che passano. Vede cambiare la forma delle scarpe, i colori, il passo.
Alcuni avanzano delicatamente, altri si fanno spazio con decisione, torcendosi e infilandosi negli spazi vuoti per spingersi avanti. Fissando quel flusso, la vista si sdoppia e la prospettiva assume una tridimensionalità mobile che sembra risucchiarlo verso il basso. Gli gira la testa.

CONTINUA A LEGGERE CLICCANDO SUL LINK:
gildagiannoni.com/2019/04/04/ra…cconto-zen-n3/

gildagiannoni.com/2019/04/04/racconto-zen-n3/